Passa al contenuto

SPEDIZIONE GRATUITA IN TUTTA ITALIA!

RISCALDATORE DIESEL SUL CAMPER

RISCALDATORE DIESEL SUL CAMPER | Destinazionecamper


COS'È
[ torna all'indice ]

È un accessorio per veicoli che scalda l'aria usando il gasolio come fonte di energia primaria ed elettricità a 12V.

Il funzionamento è semplice: un bruciatore a gasolio è alimentato da una pompa a doppia membrana. L'aria gli passa attorno mossa da una ventola che aspira dal retro e la fa uscire davanti.

corpo riscaldatore diesel

Il tutto è gestito da una centralina, controllabile con display analogici o digitali: le possibilità di regolazione sono infinite perchè si modificano sia i parametri della ventola che della pompa.


COME È FATTO
[ torna all'indice ]

Esistono molti riscaldatori a gasolio di diversi produttori. Si va da quelli più lussuosi e accessoriati a quelli base, ma tutti hanno delle componenti costruttive comuni.

Partiamo dal corpo centrale: dalla bocchetta anteriore esce l'aria calda, da quella posteriore entra fredda. Al di sotto si trovano l'uscita della marmitta dei gas di scarico, la presa d'aria della camera di combustione e l'attacco per il tubo del gasolio.

A seconda del modello, da un punto della scocca protettiva escono i cavi per l'alimentazione elettrica e quelli che collegano centralina integrata e controller (analogico o digitale).

schema funzionamento riscaldatore diesel camper



Tra il tubo del gasolio e il serbatoio
 (del mezzo, o dedicato al solo riscaldatore) c'è una pompa in linea che fa arrivare il combustibile al riscaldatore, anch'essa gestita dalla centralina. 


PERCHÉ SI MONTA
[ torna all'indice ]

Il riscaldamento usato di serie sulla maggior parte dei camper rimane il BOILER A GAS, ma molti decidono di affiancargli un riscaldatore a gasolio perchè ha grossi vantaggi:

  • va a gasolio: basta problemi con le bombole del gas da sostituire o caricare, specialmente all'estero!

  • può pescare direttamente dal serbatoio del mezzo, o averne uno suo dedicato, magari con BOCCHETTONE ESTERNO

  • scalda in fretta: in pochi minuti emette già un piacevole tepore, al massimo della potenza alza in poco tempo la temperatura di tutta la cellula!

  • riduce la condensa sui vetri anteriori: quando è acceso, continua a riciclare l'aria della cellula, e nel farlo fa evaporare l'umidità ambientale. Abbinato con i COPRIVETRI ESTERNI i cristalli saranno sempre asciutti!


COME SI MONTA
[ torna all'indice ]

La prima cosa da scegliere è se montarlo dentro la cellula o fuori, sotto il pianale. Sui camper di solito si trova fuori, ma su mezzi come camion e bus viene messo sotto il sedile del passeggero.

Ci sono degli elementi da tenere in considerazione:
  • l'aspirazione dell'aria da riscaldare è meglio prenderla dentro la cellula. Altrimenti usa aria fredda e potenzialmente sporca. L'aria per la camera di combustione è indifferente se la pesca dentro o fuori, in ogni caso sempre meglio che abbia un filtro in ingresso.

  • la marmitta deve essere sempre esterna con sporgenza di almeno 2cm dalla sagoma del veicolo, questo per evitare che i gas di scarico ristagnino e possano filtrare in cellula.

  • quando è acceso, il corpo del riscaldatore raggiunge temperature elevate che si sentono anche con la scocca protettiva: assicurarsi che nessun materiale soggetto ad incendiarsi, colarsi o deformarsi sia nelle vicinanze!

  • se si monta dentro, va messo del  MATERIALE ISOLANTE IGNIFUGO tra il riscaldatore e il pavimento del mezzo (anche nel foro di passaggio dei vari tubi)

  • se si monta fuori, può essere una buona idea proteggerlo con una SCATOLA come  questa, ma si possono usare anche STAFFE a U o a L 

  • si possono montare più bocchette, ma nel modo giusto: un riscaldatore da 2kW non ha la ventola abbastanza potente per farne andare più di 3, un 4kW arriva a 5.
    In generale, più metri di tubazioni ci sono più è necessario usarle del diametro giusto (via via a stringere) con bocchette e raccordi al posto giusto. Si possono installare ventole aggiuntive per migliorare la circolazione dell'aria.


  • è possibile usare la canalizzazione originale della stufa a gas, ma tenendo conto che i primi 2-3m di tubo in uscita dal riscaldatore devono essere i suoi specifici: quelli di cartone rischiano di incendiarsi! 


MODELLI SUL MERCATO
[ torna all'indice ]

Il produttore più famoso in assoluto è sicuramente il Webasto dell'omonima ditta, che ormai viene associato al prodotto per antonomasia. Anni di esperienza (di cui alcuni in regime di monopolio o quasi) hanno dato origine ad ottimi prodotti dai costi elevati.
Altra marca piuttosto nota è Eberspacher, a cui si aggiunge  Autoterm con i PLANAR e di recente anche CARBEST ha lanciato la sua linea.

Discorso a parte infine per i
RISCALDATORI CINESI: nessuna marca o brand, sono tutti uguali in teoria, ma assemblati in stabilimenti diversi con più o meno qualità nel prodotto finito. Concettualmente identici al modello vecchio di Eberspacher di cui è scaduto il brevetto.

Personalmente mi è capitato di vederne più di uno, e capita che siano assemblati male: il consiglio è di provarli a banco prima del montaggio per evitare spiacevoli sorprese.

Il vantaggio principale è che costano molto meno degli altri, ma ciò è legato al loro principale svantaggio: sono sprovvisti di omologazione CE, ovvero non possono essere montati secondo la legge.

Nonostante questo, negli ultimi anni si sono diffusi molto e non sembrano dare problemi lavorando anche per anni, però montarlo comporta l'assunzione di rischi di cui bisogna essere consapevoli.

Per approfondire l'argomento, guarda la sezione file del gruppo facebook
ACCESSORI PER RISCALDATORI DIESEL in cui trovi molte informazioni al riguardo.

In caso stiate allestendo un mezzo da far omologare, che sia in Italia o in qualsiasi altro paese UE, non può essere montato prima del collaudo, e se lo si aggiunge dopo tenete presente il discorso fatto prima.

Ovviamente ne sconsiglio il montaggio su mezzi nuovi o semi-nuovi, ma mi rendo conto che spesso è l'unica soluzione possibile, in cui la scelta è tra questo o niente.


COSA VENDIAMO NOI
[ torna all'indice ]

In questo negozio trovi 2 marche differenti, Planar e  Carbest, sia nella versione a 2kW che in quella a 4.

Teniamo presente che i modelli meno potenti sono pensati per mezzi fino a L2H2, ideali su minivan, mentre quelli da 4kW si usano su camper più grandi. 

Qualsiasi sia il modello scelto, montarlo porta un miglioramento netto alla vita in camper. Scegliere quello giusto per noi però è la ciliegina sulla torta: vediamo quali sono i pro di Planar e quali quelli di Carbest.


PLANAR
[ torna all'indice ]

Il 2kW è il riscaldatore diesel più piccolo sul mercato: è l'ideale da montare sottoscocca in van e minivan come i VW T3-4-5-6. 
Disponibile anche in KIT pronti per il montaggio, il vantaggio principale è la varietà degli accessori opzionali. Dal tipo di bocchetta al tipo di controller, centralina wireless, diverse staffe di supporto e pompe gasolio silenziate: con Planar puoi personalizzare al massimo l'installazione sul tuo mezzo! 


CARBEST
[ torna all'indice ]

Gli ultimi arrivati sul mercato, prodotti dalla sempre più famosa CARBEST. Come tutti i loro prodotti, si caratterizza per una cosa: il prezzo. Sono i riscaldatori omologati più economici, e arrivano con tutti i pezzi necessari per un montaggio semplice. 
Anche qui è possibile personalizzare il montaggio con gli accessori fondamentali, ma non c'è la scelta che offre Planar.  

lascia un commento

I commenti vengono approvati prima della pubblicazione

Hi there

Welcome Guest
We typically reply within minutes
James
Hello! James here from Support team,this is sample text. Original text will display as per app dashboard settings